Il progetto

Proponente: Amministrazione Provinciale di Avellino

Attuatore: ASSE scpa

Partners:     Ufficio Scolastico Provinciale di Avellino

Destinatari: Studenti iscritti al 4 e 5 anno degli Istituti Istruzione Superiore di secondo grado della Provincia di Avellino

aylana2520swirl25202.gif

  • Breve sintesi del progetto

Il Progetto Isfa, giunto alle sue 7° Edizione, si svolge in continuità con metodo e contenuti della scorsa Edizione. Infatti, mentre nel passato il Progetto aveva avuto ad oggetto una indagine sulla struttura finanziaria delle imprese locali, la Sesta Edizione, terminata il 6 giugno scorso con la presentazione dei risultati finali, si è caratterizza per un radicale cambiamento: guidare i ragazzi nell’individuazione di Idee Imprenditoriali e nella redazione del proprio Piano di Impresa.  Durante tutto l’anno scolastico, infatti, i ragazzi coinvolti saranno guidati nell’analisi del proprio territorio, del contesto in cui vivono e studiano, nell’individuazione di idee imprenditoriali e nella redazione progressiva del proprio piano di impresa.  Essi daranno vita alla propria azienda simulando le prime operazioni di costituzione quali: la redazione dell’atto costitutivo e dello statuto, la stesura dell’organigramma relativo alla struttura organizzativa. Ad ogni studente verrà assegnato un ruolo all’interno dell’azienda ed un incarico da realizzare nella redazione del piano di impresa.   

Ogni idea imprenditoriale, prima di diventare iniziativa attiva, ha bisogno di essere valutata nei minimi dettagli e di essere strutturata in tutte le sue implicazioni, tenendo ben presente il significato del termine rischio d’impresa. Le implicazioni relative alla creazione di una nuova attività imprenditoriale sono molteplici: gli aspetti finanziari, le possibilità di penetrazione sul mercato, le questioni organizzative e logistiche devono essere considerati elementi prioritari per un’accurata valutazione sul da farsi (e sul non da farsi).
Uno strumento metodologico indispensabile è il Business Plan (o progetto o studio di fattibilità) che i ragazzi saranno chiamati a costruire durante il progetto utilizzando ed applicando le conoscenze acquisite, approfondendo temi, collaborando e lavorando in gruppo.

aylana2520swirl25202.gif

  •  Motivazione ed Obiettivi:

Motivazione e Obiettivi prioritari del Progetto Isfa:Idee & Piani di Impresa sono:  

  • Offrire ai ragazzi coinvolti nel progetto l’opportunità di approfondire temi ed argomenti inseriti nei programmi di studio (valenza didattica del progetto);

  • Offrire ai ragazzi l’opportunità di arricchire le conoscenze disciplinari, di l’acquisire competenze trasversali organizzative e professionali;

  • Motivare e recuperare gli studenti rendendo la loro partecipazione attiva e maggiormente costruttiva rispetto alle metodologie tradizionali;

  • Contribuire allo sviluppo di responsabilità, collaborazione, coinvolgimento, lavoro di gruppo,

  • Avvicinare la scuola al mondo del lavoro simulando ruoli e figure professionali rispondenti alle richieste del territorio;

  • Sensibilizzare i ragazzi circa i temi dell’imprenditorialità, dell’autoimpiego e dell’autoimprenditorialità;

  • Informare e orientare i ragazzi circa gli incentivi comunitari, statali, regionali all’autoimpiego e all’autoimprenditorialità;

  • Potenziare l’offerta formativa della scuola.

aylana2520swirl25202.gif

  •  Azioni

Il progetto si svilupperà in cinque fasi caratterizzate:

Ø       1 fase – Dicembre 2007 – Analisi territoriale e individuazione Idea d’impresa; attraverso la quale gli studenti saranno chiamati a verificare prima di tutto, nei comuni di competenza del proprio istituto, l’esistenza nonché il numero delle industrie, degli artigiani, degli agricoltori e dei liberi professionisti nonché ad individuare, per le categorie Industria e Servizi, le società di capitali operando una suddivisione in piccole, medie e grandi imprese. In secondo luogo i destinatari del progetto, affiancati dai docenti, saranno chiamati a realizzare un’analisi “territoriale” con approfondimento relativamente a: Risorse ambientali e paesaggistiche; Risorse artistiche e culturali; Risorse economiche e sociali; Demografia e tessuto socio-economico; Infrastrutture, contesto urbano e strumenti urbanistici; Strutture ricettive e turistiche; Risorse economiche e strutturali dell’Amministrazione. Infine, sempre in questa fase, gli studenti saranno chiamati a scegliere, per classi o per gruppi, l’idea imprenditoriale sulla quale sviluppare il proprio piano di impresa; 

Ø       2 fase – Dicembre/gennaio 2008 – Individuazione compagine societaria; descrizione dell’idea imprenditoriale;Presentazione soci e descrizione del mercato dell’iniziativa. Durante questa fase gli studenti saranno chiamati ad individuare i dati anagrafici e di sintesi dell’impresa virtuale, dovranno definire la compagine sociale, presentare l’idea imprenditoriale e i soci e, infine, dovranno analizzare il mercato dell’iniziativa, ponendo particolare attenzione all’analisi della concorrenza;     

Ø       3 fase – Febbraio 2008 – Definizione delle Scelte strategiche e dei Prodotti/servizi; durante questa fase gli studenti dovranno individuare i propri prodotti/servizi con relativi prezzi di vendita, definire le scelte promozionali e gli obiettivi di vendita per i primi tre anni di attività, descrivere il ciclo produttivo e stimare il fabbisogno di materie prime. 

Ø       4 fase – Marzo/aprile 2008 – redazione di: Piano degli Investimenti e Piano organizzativo. Durante questa quarta fase gli studenti saranno chiamati a definire il proprio piano degli investimenti con relativi costi, definire il piano organizzativo individuare costi della struttura, costi delle risorse umane e organizzazione della compagine societaria, e dovranno, infine, sviluppare le analisi economico-finanziarie e le previsioni circa le fonti e gli impieghi; 

Ø       5 fase – Maggio 2008 – Redazione Studio di Fattibilità; fase dedicata al completamento del piano di impresa e alla predisposizione degli eventuali allegati  

Ø       Giugno 2008 – Presentazione e diffusione dei risultati.

aylana2520swirl25202.gif

  • Attività parallele organizzative e di informazione/formazione

Il Progetto, richiederà, inoltre, la realizzazione periodica di incontri tecnici e motivazionali:

  • INCONTRI TECNICI, realizzati tra i referenti dei partners (ASSE, Ufficio Scolastico Provinciale di Avellino), ed i docenti referenti degli istituti coinvolti nel progetto. Detti incontri avranno ad oggetto prima di tutto la programmazione delle attività e delle fasi del progetto, nonché l’individuazione della metodologia di indagine e la verifica in itinere dei risultati raggiunti;

  • INCONTRI MOTIVAZIONALI, invece, verranno realizzati, presso gli Istituti aderenti al progetto, tra il coordinatore tecnico del progetto e gli studenti di ognuno degli istituti coinvolti. Detti incontri saranno finalizzati al coordinamento tecnico ed operativo, alla condivisione degli obiettivi , alla illustrazione di finalità, metodologia nonché alla verifica del lavoro svolto ed eventualmente la predisposizione di interventi correttivi.

 barre1212.gif

 Inoltre le attività di informazione/formazione e di comunicazione con e tra  i partecipanti, a qualsiasi livello, verranno realizzate anche attraverso un BLOG, www.isfa.wordpress.com. Nato durante la scorsa Edizione, il Blog dedicato al progetto, che ha fatto contare in pochissimi mesi oltre 12.000 visite, verrà utilizzato da coordinatori, docenti referenti e ragazzi per dialogare e scambiarsi materiale didattico, approfondimenti, per le comunicazioni verso gli istituti/docenti/ragazzi o altro materiale utile. Infine, la comunicazione, quotidiana, con i ragazzi avverrà esclusivamente via mail.

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: