Come costituire una SPA in base al nuovo diritto societario

images_diritto-societario.jpgA cura di Michele Castellitto

A seguito della riforma del diritto societario del 2003 si possono individuare tre livelli di disciplina della S.p.A. a seconda del cosiddetto “modello socio-economico” sottostante. Il principio che anima questa tripartizione della regolamentazione (prima curata solo dall’interprete) è la considerazione delle profonde differenze che intercorrono tra una piccola impresa con pochi soci che decidono di utilizzare il modello organizzativo Spa e invece una Spa di grandi dimensioni con azionariato diffuso e frammentato e che faccia anche ricorso al mercato dei capitali di rischio. Si tratta proprio di una presa di coscienza di differenze reali.

Si delineano quindi tre tipi:

Spa modello chiuso: la disciplina è quella codicistica, salvo qualora il legislatore detti norme specifiche per le società che fanno ricorso al mercato dei capitali di rischio o alle quotate che non valgono per questo primo tipo.

Spa modello aperto (ricorso al mercato dei capitali di rischio) non quotata: si applicano anche le regole dettate per le società che fanno ricorso al mercato dei capitali di rischio.

Spa modello aperto (ricorso al mercato dei capitali di rischio) quotata: vi sono quattro piani successivi in cui cercare la soluzione ai quesiti normativi.

Caratteristiche fondamentali

Gli elementi che caratterizzano questo tipo societario e la cui sussistenza è essenziale per poter applicare la normativa relativa a questo istituto sono:

L’intento di limitare il rischio.

La presenza di azioni che rappresentano la partecipazione dei soci alla società.

La corporazione normativa: il legislatore impone che i poteri siano rigidamente distribuiti tra diversi organi.

Se viene meno uno di questi elementi non si considera integrata la fattispecie, e quindi non è applicabile la disciplina della Spa.

Modelli di amministrazione e controllo

A seguito della riforma sono stati regolati tre diversi modelli di amministrazione e controllo della Spa a disposizione dei soci (tradizionale, dualistico e monistico). Il modello più utilizzato al momento è quello di tipo tradizionale. La disciplina degli altri modelli è costituita in parte da norme specifiche, in parte da rinvii specifici al modello.

Costituzione

Le condizioni per la valida costituzione di una Spa sono essenzialmente quattro:

Un contratto associativo tra due o più persone o un atto unilaterale (nel caso della Spa cosiddetta unipersonale, cioè con un unico socio).

La redazione di un atto costitutivo e di uno statuto per atto pubblico, ad substantiam, contenenti importanti informazioni sulla società (sede principale e secondarie, oggetto sociale, ammontare del capitale, …) e le regole dell’agire comune che i soci stabiliscono.

L’intera sottoscrizione di un capitale sociale il cui valore non deve essere inferiore ai 120.000 euro.

Il deposito dell’atto costitutivo presso il registro delle imprese e la conseguente iscrizione della società in tale registro.

Solo al momento dell’iscrizione della società nel registro delle imprese si verifica la separazione patrimoniale tra il patrimonio dei soci e quello della società: la società acquista la personalità giuridica (art. 2331 c.c.). Degli atti compiuti nel periodo che intercorre tra la stipula dell’atto costituitivo e la sua iscrizione nel registro rispondono chi li ha compiuti e chi si ritiene abbia dato l’ordine. Tali atti possono poi essere ratificati dalla società, una volta che sia sorta, con l’effetto di aggiungere la responsabilità della società nei confronti dei terzi e, sul piano interno, di sollevare il socio che ha agito.

Prima della riforma del diritto societario del 2003, non era consentito costituire Spa di tipo unipersonale. Qualora tale ipotesi si fosse verificata durante la vita della società, la conseguenza sarebbe stata il superamento della separazione patrimoniale ai danni dell’unico socio il quale avrebbe risposto, seppur in via sussidiaria illimitatamente con il proprio patrimonio delle obbligazioni assunte dalla Spa. Inoltre il permanere di tale situazione per un periodo di sei mesi era una delle cause di scoglimento della società.

 Struttura finanziaria

La S.p.A. costituisce la forma più sofisticata che il nostro ordinamento conosca di finanziamento dell’impresa. La disciplina della struttura finanziaria è quindi un argomento essenziale. Anche prima della riforma del diritto societario
la S.p.A. costituiva il modello più avanzato di organizzazione e finanziamento dell’impresa, ma è solo dopo il D.lgs. 6/03 che la struttura finanziaria ha assunto un ruolo centrale nella disciplina relativa alla S.p.A. e sono stati ampliati i canali di finanziamento. In pratica l’obbiettivo del legislatore è stato quello di garantire alla società il massimo apporto di risorse possibile, e questo risultato è stato perseguito permettendo alla S.p.A. di emettere i più vari tipi di strumenti finanziari e rendendo elastica e modellabile secondo le esigenze la relativa disciplina.

Conferimenti

Con il termine “conferimento” si indica l’apporto di beni o servizi da parte del socio alla società che siano effettivamente imputati al capitale sociale nominale. Nella S.p.A. i conferimenti (Art. 2342 c.c.) devono farsi in denaro (principio dispositivo) o in natura. Nel caso di conferimenti in denaro, al momento della sottoscrizione è sufficiente l’effettivo versamento anche solo del 25% del conferimento. Questo non vale nei casi di Spa unipersonale nei quali il conferimento deve essere pari al totale del capitale sociale o, ovviamente, nei casi di conferimenti in natura. Non possono invece essere oggetto di conferimento le prestazioni di opera o di servizi. Spetta agli amministratori il compito di richiedere ai soci il capitale non versato qualora ciò appaia utile o necessario. Come principio dispositivo al conferimento effettuato corrisponde una quota di azioni proporzionale. Le azioni corrispondenti a porzioni di capitale ancora non versato (“azioni non liberate”) sono soggette ad un regime speciale: chi le trasferisce ad altri è obbligato in solido per tre anni per i versamenti ancora non effettuati.

Stima dei conferimenti in natura

I beni in natura devono essere accompagnati da una relazione giurata di un esperto nominato dal tribunale che attesti il valore del conferimento. Tale relazione deve essere poi controllata entro 180 giorni dagli amministratori che, se riscontrano una differenza di oltre un quinto tra il valore dichiarato e quello effettivo, possono decidere di diminuire in proporzione il capitale sociale. In alternativa il socio può decidere di recedere dalla società (ottenendo il rimborso, ove possibile in natura) o di versare la differenza.

Strumenti finanziari

La Spa rappresenta la forma più evoluta (nel nostro ordinamento) di organizzazione e finanziamento dell’impresa. In particolare il finanziamento, oltre che attraverso l’indebitamento della società presso gli istituti di credito, può essere attratto tramite tre macro-categorie di strumenti finanziari che il legislatore ha predisposto. Le categorie di strumenti finanziari si differenziano tra loro in base al “rischio” che presentano, calcolato su due punti: la remunerazione durante il rapporto e la restituzione dell’investimento. Si va dal rischio massimo delle azioni che non hanno né remunerazione né restituzione certe a quello minimo delle obbligazioni che hanno sia remunerazione che restituzione certe (con una vasta gamma di strumenti intermedi).

Azioni

Le azioni rappresentano la partecipazione sociale. Danno accesso, a seconda dei tipi, a diritti amministrativi e/o patrimoniali. A seguito della riforma del diritto societario è stato aumentato il grado di atipicità dell’azione. In pratica nell’atto costitutivo i soci possono predisporre i più diversi tipi di azioni, corredati dalle più varie combinazioni di diritti amministrativi e patrimoniali. Gli unici vincoli sono il fatto che il capitale minimo di 120.000 euro debba essere interamente composto da azioni di tipo ordinario e che le azioni prive del diritto di voto non possono superare la metà del capitale sociale.

Importante novità post-riforma è la possibilità concessa ai soci di stabilire nell’atto costitutivo una assegnazione delle azioni diversa dal criterio dispositivo che è l’assegnazione proporzionale alla quota di capitale sociale sottoscritto. La conseguenza è una maggiore adattabilità del modello societario Spa al volere dei soci: è ora possibile attrarre soggetti particolarmente meritevoli o utili alla società mediante l’assegnazione di un numero di azioni superiore a quelle loro spettanti.

About these ads

7 Risposte

  1. QUANTO COSTA COSTITUIRE UNA SPA?

  2. Bisognerebbe chiedere ad un notaio! Mi dispiace non posso aiutarti!
    Dina

  3. materialmente come si costituiscono le azioni, se le deve stampare la società o altro, dove vanno depositate.

  4. Aooooooooooo dinaaaa ma che cazzo stai a dì?? ce vojono 120000 eurii! informateeeeeeeeee!! e nun sono notaioo a grulla!

  5. la costituzione deve costituirsi con un atto pubblico e deve essere di 120000 euro , poi la costituzione puo essere fatta: simultanea o per pubblica sottoscrizione la prima l’atto costitutivo si porta dal notaio dove si presentantano tutti i soci sottoscrittori la seconda invece elegge dei soci promotori che promuovono un programma e poi viene reso pubblico e depositato al notaio manca questo nella costituzione e molte altra cose comunque le azioni sono una parte del capitale della s.p.a.

  6. cioe in questo sito manca il diritto d’opzione, i prestiti obbligazionari, il valore delle azioni ,la distinzione delle azioni, gli organi sociali e i modelli di governance, i libri sociali obbligatori, la destinazione dell’utile, il recesso di un socio e meno male che si parla di s.p.a. e non ce scritto quasi niente delle società per azioni

  7. You need to take part in a contest for one of the
    best blogs online. I will highly recommend this website!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: